Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Salmi’ Category

salmo147

Read Full Post »

uomo_0Salmo 139

SIGNORE, tu mi hai esaminato e mi conosci.
2 Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo,
tu comprendi da lontano il mio pensiero.
3 Tu mi scruti quando cammino e quando riposo,
e conosci a fondo tutte le mie vie.
4 Poiché la parola non è ancora sulla mia lingua,
che tu, SIGNORE, già la conosci appieno.
5 Tu mi circondi, mi stai di fronte e alle spalle,
e poni la tua mano su di me.
6 La conoscenza che hai di me è meravigliosa,
troppo alta perché io possa arrivarci.
7 Dove potrei andarmene lontano dal tuo Spirito,
dove fuggirò dalla tua presenza?
8 Se salgo in cielo tu vi sei;
se scendo nel soggiorno dei morti,
eccoti là.
9 Se prendo le ali dell’alba
e vado ad abitare all’estremità del mare,
10 anche là mi condurrà la tua mano e mi afferrerà la tua destra.
11 Se dico: «Certo le tenebre mi nasconderanno
e la luce diventerà notte intorno a me»,
12 le tenebre stesse non possono nasconderti nulla
e la notte per te è chiara come il giorno;
le tenebre e la luce ti sono uguali.
13 Sei tu che hai formato le mie reni,
che mi hai intessuto nel seno di mia madre.
14 Io ti celebrerò, perché sono stato fatto in modo stupendo.
Meravigliose sono le tue opere,
e l’anima mia lo sa molto bene.
15 Le mie ossa non ti erano nascoste,
quando fui formato in segreto
e intessuto nelle profondità della terra.
16 I tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo
e nel tuo libro erano tutti scritti
i giorni che mi eran destinati,
quando nessuno d’essi era sorto ancora.
17 Oh, quanto mi sono preziosi i tuoi pensieri, o Dio!
Quant’è grande il loro insieme!
18 Se li voglio contare, sono più numerosi della sabbia;
quando mi sveglio sono ancora con te.
19 Certo, tu ucciderai l’empio, o Dio;
perciò allontanatevi da me uomini sanguinari.
20 Essi parlano contro di te malvagiamente;
i tuoi nemici si servono del tuo nome per sostenere la menzogna.
21 SIGNORE, non odio forse quelli che ti odiano?
E non detesto quelli che insorgono contro di te?
22 Io li odio di un odio perfetto;
li considero miei nemici.
23 Esaminami, o Dio, e conosci il mio cuore.
Mettimi alla prova e conosci i miei pensieri.
24 Vedi se c’è in me qualche via iniqua
e guidami per la via eterna.

Ps. La foto l’ho presa su http://www.laparola.info

Read Full Post »

Il salmo 51 è un salmo di pentimento, perchè Davide aveva peccato davanti al Signore. Per capire meglio cosa aveva fatto il Re Davide voglio citare un paio di versi:

2 Samuele 12:9 “Perché dunque hai disprezzato la parola del SIGNORE, facendo ciò che è male ai suoi occhi? Tu hai fatto uccidere Uria, l’Ittita, hai preso per te sua moglie e hai ucciso lui con la spada dei figli di Ammon.”

Cos’era successo?

Vi fù una guerra, ma questa volta Davide non scese in battaglia. Una sera, alzatosi dal letto, si mise a passeggiare sulla terrazza del palazzo reale e da lì vide una donna che faceva il bagno. Era bellissima. Chiese chi fosse quella donna. Era Bat-Sceba, moglie di Uria. Ma non curandosi del fatto che fosse sposata, commise adulterio. E sapendo che lei rimase incinta, fece in modo di far uccidere Uria, il marito, in battaglia, commise un omicidio.
E tramite il profeta Natan il Signore richiamò Davide per quello che aveva fatto.

Il re Davide si era macchiato di due gravi peccati: adulterio e omicidio.

Il peccatoPECCATO
Ovviamente non esistono solo questi due peccati, ma si pecca, come ha detto il profeta Natan al re Davide: “disprezzando la parola del Signore, facendo ciò che è male agli occhi del Signore.”

La parola di Dio ci insegna come dobbiamo camminare. E se disprezziamo la parola del Signore, disprezziamo ciò che ci insegna e non camminiamo secondo la volontà di Dio, facendo ciò che è male ai Suoi occhi. Pecchiamo!!!

E non c’è persona, uomo o donna che non abbia peccato. Nessuno può definirsi giusto!  (Romani 3:10,23) “…, com’è scritto: “Non c’è nessun giusto, neppure uno.   tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio”

Quindi tutti, ma proprio tutti sono e siamo dei peccatori. E il peccato produce la morte, perché il peccato ci allontana e ci tiene lontani da Dio e senza Dio siamo morti. Ma c’è ovviamente la possibilità di riconciliarci con Dio.  E nel salmo 51  vediamo  punti fondamentali per poterci riconciliare con Dio.

riconoscereRiconoscere di aver peccato

Dopo che il profeta Natan gli prospetta davanti la situazione, Davide riconosce di aver peccato contro il Signore.

Bisogna riconoscere di aver peccato. Davide dice nel v. 3 e 4 “poiché riconosco le mie colpe, il mio peccato è sempre davanti a me. Ho peccato contro te, contro te solo, ho fatto ciò ch’è male agli occhi tuoi.” E sentiva il bisogno di riconciliarsi con Dio.

Vi ricordate il figliol prodigo, anche lui disse a suo padre ho peccato contro il cielo e contro di te. E ha sentito il bisogno di riconciliarsi col padre.

Noi riconosciamo di aver peccato? Riconosciamo che siamo dei peccatori? Riconosciamo che abbiamo bisogno di riconciliarci con Dio? Sentiamo il bisogno di riconciliarci con Dio?

Ma come possiamo riconciliarci con Dio?

riconciliarsiRiconciliarsi con Dio
Davide sentiva questo bisogno e chiedeva a Dio di cancellare tutte le sue colpe v.9. “e cancella tutte le mie colpe.”  E gloria a Dio, perché egli cancella i nostri peccati. Ma aveva capito anche come venivano cancellati. Nel v. 7 dice: “Purificami con issopo, e sarò puro; lavami, e sarò piú bianco della neve.”Questo versetto ci parla della purificazione e della santificazione che noi possiamo ottenere solo se siamo lavati col prezioso sangue di Gesù.

Dio ci ha dato il mezzo per riconciliarci a Lui. Egli ci ha dato il Suo Unigenito Figliolo affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna . In Gesù abbiamo la vita. Col sangue di Gesù possiamo essere lavati!!! Col sangue di Gesù possiamo essere nettati dai nostri peccati!!! Col sangue di Gesù possiamo riconciliarci con Dio!!!

Vogliamo seguire l’esempio del re Davide, non un uomo qualunque, ma un re, che mette da parte la sua posizione, il suo orgoglio e riconosce di essere un peccatore e come tale ha bisogno di essere purificato e lavato per riconciliarsi con Dio.

Mettiamo da parte il nostro io, il nostro saper fare, il nostro orgoglio, ma umiliamoci davanti al Signore, riconosciamo di essere dei peccatori perduti e accettiamo nella nostra vita colui che purifica la nostra vita e lava la nostra anima col Suo sangue, accettiamo nella nostra vita il sacrificio di Cristo Gesù. E diremo come Davide “rendimi la gioia della tua salvezza”.

Un cambiamento

Ma Davide capisce anche di essere debole, di avere qualcosa che non va nel cuore e nel suo spirito. Capisce che necessita di un cambiamento.

Si rende conto che ha bisogno di un cuore nuovo, un cuore puro e chiede  crea in me un cuore puro”.Cos’ha il suo cuore che non và? Cos’ha il nostro cuore che non và? Geremia 17:9 “Il cuore è ingannevole più d’ogni altra cosa, e insanabilmente maligno”; Ecco perchè Davide chiede che gli venga creato un cuore puro, perchè riconosce di essere ingannato dal suo stesso cuore, dai suoi stessi sentimenti e che ha un cuore maligno. Lo riconosciamo pure noi? Anche noi abbiamo bisogno di un cuore puro!!!

Ma anche il suo spirito ha qualcosa che non va, non è ben saldo e ha bisogno di essere rinnovato, infatti chiede ” e rinnova dentro di me uno spirito ben saldo”Ma saldo in cosa? Saldo nella volontà di Dio, in modo da poter assomigliare sempre di più all’immagine di Cristo.

Riconosciamo di essere peccatori, lasciamoci lavare dal sangue di Gesù che ci purifica da ogni peccato e lasciamoci cambiare. Dobbiamo diventare nuove creature. 2 Corinzi 5:17 Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove.

bibbia42

All’opera
Ma dopo ciò che abbiamo parlato avviene qualcosa che è una naturale conseguenza. In chi si ravvede dei propri peccati e li confessa al Signore, in chi accetta il sacrificio di Gesù e si fa lavare dal Suo sangue, e in chi desidera un vero cambiamento e ciò avviene: gli scaturisce un desiderio.

Quale desiderio?

Davide dice v.12 “uno spirito volenteroso mi sostenga.”

Ma per fare cosa?

v. 13 Insegnerò le tue vie ai colpevoli, e i peccatori si convertiranno a te.

Il desiderio di evangelizzare, il desiderio di andare da altri peccatori e insegnarli la via. A questo ci ha chiamati Cristo Gesù, questo è il mandato che ha dato ai suoi discepoli: andate per tutto il mondo e predicate l’ evangelo ad ogni creatura”

Chiediamo al signore che ci sostenga uno spirito volenteroso, per predicare la Sua parola, per annunciare l’evangelo, per testimoniare di quello che Egli ha fatto per noi affinché i peccatori si convertano a Lui.

amore

Davide dice ancora “e la mia lingua celebrerà la Tua giustizia – e la mia bocca proclamerà la Tua lode.” Celebriamo il Signor perchè la sua benignità dura in eterno, celebriamo la Sua giustizia, proclamiamo la Sua lode, lodiamoLo con tutto il cuore perchè Egli è degno di essere lodato, onorato e innalzato. Egli è la fonte della nostra salvezza, accostiamoci a Lui.

Ps. Il testo non è mio ma preso da una nota su facebook, ed è giusto citarne  l’ autore (Casimiro Cardella). Il salmo 51 è di grande insegnamento, ogni volta che pecco mi inginocchio e prego con questo salmo, e comprendo la grandezza dell’ Amore di Dio.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: